IRASE Ancona

Irase, ente di formazione accreditato presso il Miur, accogliendo le numerose istanze che pervengono dai lavoratori e dalle scuole ha organizzato un corso di formazione per assistenti amministrativi:

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati (GDPR). Anche la Federazione Uil Scuola Rua ha aggiornato la sua politica sulla privacy, per riflettere le modifiche a seguito dell’entrata in vigore del GDPR.

Manifestazione 9 febbraio

CONTRATTO, PRECARI, NO ALLA REGIONALIZZAZIONE:
I TEMI DELLA MANIFESTAZIONE DI SABATO

Turi: Non sarà una manifestazione “contro” sarà una manifestazione“propositiva”
Andiamo a sostenere un modello un modello di Paese, un modello di scuola.

La parola chiave è «fiducia». Stanno cercando di smontare l’istituzione nella quale gli italiani ripongono la maggiore fiducia, la scuola. Così il segretario generale della Uil scuola, Pino turi, anticipa i temi che saranno trattati nell’Esecutivo di domani in vista della manifestazione di sabato mattina, 9 febbraio, a Roma.
Non sarà una manifestazione “contro” – precisa – sarà una manifestazione “propositiva”, andiamo a sostenere un modello un modello di Paese, un modello di scuola.

SABATO 9 FEBBRAIO SAREMO A ROMA ALLA MANIFESTAZIONE INDETTA DA CGIL CISL UIL PERCHE’, PUR CONDIVIDENDO GLI SCOPI DEL REDDITO DI CITTADINANZA E DI QUOTA 100 SULLE PENSIONI, CHIEDIAMO AL GOVERNO UN CONFRONTO SU:
– INVESTIMENTI, INFRASTUTTURE PER CREARE SVILUPPO E QUINDI LAVORO;
– RINNOVO DEI CONTRATTI DI LAVORO E AUMENTO DELLA PLATEA DEI LAVORI USURANTI;
– MENO TASSE SUL LAVORO DIPENDENTE E SULLE PENSIONI E UN CONTRASTO FORTE ALL’ EVASIONE FISCALE;
– RISORSE PER LA SANITA’ PUBBLICA E PER L’ EMARGINAZIONE SOCIALE DEGLI ANZIANI.
– SUPERARE IL PRECARIATO
– BLOCCARE OGNI TENTATIVO DI REGIONALIZZARE IL SISTEMA D’ ISTRUZIONE.
QUESTE SONO LE MOTIVAZIONI DELLA PRESENZA DELLA UIL SCUOLA MARCHE A PIAZZA SAN GIOVANNI.

In allegato gli orari dei pullman.
Se vuoi venire con noi manda una mail ad ancona@uilscuola.it o chiama il numero 071 205658

ORARI PULMAN

 

Pubblicato decreto legge su reddito di cittadinanaza e pensioni

Il giorno 28 gennaio 2019 il Presidente della Repubblica ha firmato il decreto legge recante disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni (cosiddetto “decretone”) che è stato pubblicato già in Gazzetta Ufficiale il 29.01.2019. Elenchiamo in sintesi i provvedimenti che riguardano le pensioni:

QUOTA “100”
In via sperimentale, per gli anni 2019, 2020, 2021, sia nel settore pubblico che nel privato, si potrà andare in pensione con un’età anagrafica di anni 62 e una contribuzione di anni 38, cosiddetta “Quota 100”. Per il settore privato esistono finestre d’uscita ogni 3 mesi (la prima decorre da 01.04.2019), mentre per il settore pubblico ogni 6 mesi (la prima decorre da 01.08.2019). Per il personale della Scuola e dell’AFAM esiste una sola finestra d’uscita rispettivamente 1° settembre( Scuola ) e 1° novembre ( Afam ) di ciascun anno, con i requisiti di età anagrafica e contributiva che si raggiungono entro il 31 dicembre di ciascuno dei 3 anni di sperimentazione (art. 59 comma 9 Legge 449/1997). Tutti coloro che andranno in pensione con quota 100 non potranno svolgere altre attività lavorative fino al raggiungimento dell’età per la vecchiaia (67 anni). Potranno svolgere prestazioni occasionali per non più di € 5.000,00 lordi in un anno. Non ci sono penalizzazioni nel calcolo della pensione.

BLOCCO DELL’AUMENTO DEI REQUISITI PER L’ASPETTATIVA DI VITA
A decorrere da 01.01.2019 e fino al 31.12.2026 non si applica l’aumento per l’aspettativa di vita ai requisiti per il collocamento a riposo, per cui si potrà andare in pensione anticipata, a prescindere dall’età anagrafica, raggiungendo entro il 31 dicembre di ciascun anno del periodo di sperimentazione l’anzianità contributiva di anni 41 e 10 mesi, per le donne, e 42 anni e 10 mesi, per gli uomini.
Coloro i quali volessero avvalersi della “quota 100”, entro il 28 febbraio 2019 dovranno presentare le domande di dimissioni per l’accesso al trattamento pensionistico, essendo questa un’opzione volontaria.

Concorso DSGA

Andamento delle domande, ricorso per l’esonero dalla prova preselettiva e mobilità professionale.

Il MIUR ha diffuso i dati sulla presentazione delle domande di partecipazione al concorso ordinario per il profilo di DSGA. Quelle presentate e acquisite al sistema alla data di scadenza del termine sono 102.900. La procedura scelta ed il numero di istanze presentate non lasciano presagire tempi brevi per l’espletamento delle prove. Dal prossimo settembre gli assistenti amministrativi facenti funzione – destinatari della riserva del 30% – saranno nuovamente chiamati a coprire migliaia di posti vacanti e a dare garanzia di continuità del servizio. Per questo avevamo chiesto che fossero esonerati dalla prova preselettiva che non ha la funzione di valutare i candidati sulle materie d’esame ma solo di limitarne il numero.
Pertanto, come da impegni assunti in precedenza e per garantire loro la partecipazione alle prove concorsuali è stato predisposto il ricorso finalizzato ad impugnare il bando nella parte in cui si prevede la preselezione per gli assistenti amministrativi che hanno prestato servizio per almeno tre anni. Siamo in attesa dei nominativi di coloro che intendono aderire sottoscrivendo il consueto mandato alle liti al nostro Ufficio Legale. Ricordiamo che la partecipazione al ricorso è gratuita per gli iscritti alla Federazione UIL Scuola RUA.
Resta ferma, inoltre, la nostra determinazione a ripristinare la mobilità tra le aree, prevista dal contratto.

Vedi TABELLA PER REGIONE