Esclusione della scuola dalla regionalizzazione

PER LA SCUOLA RESTA L’IMPIANTO NAZIONALE.
TURI: “HA PREVALSO IL BUON SENSO”

Una buona notizia per la scuola. Nostro ruolo determinante. Contrattazione fondamentale per questo risultato.

La nostra battaglia contro ogni ipotesi di regionalizzazione ha avuto, nel pomeriggio, un primo riscontro positivo.
L’esclusione della scuola dalla regionalizzazione – sottolinea il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi – è stata confermata, dallo stesso Premier Conte, dopo il vertice di Governo.
Il buon senso ha prevalso – commenta Turi, in viaggio verso Bangkok per partecipare all’8° Congresso mondiale dell’Internazionale dell’Educazione.
Un risultato, per nulla scontato, per il quale ci siamo impegnati dall’anno scorso, già alla vigilia dei referendum di Lombardia e Veneto , convinti che la scuola è una funzione fondamentale dello Stato, sulla quale si basa l’identità del Paese e non ammette nessuna devoluzione.

Docenti

In data 12 luglio 2019, le organizzazioni sindacali e l’amministrazione hanno sottoscritto un contratto che integra l’ipotesi di CCNI relativo alle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie.
L’accordo riguarda i “diplomati magistrali” che al momento occupano un posto a tempo indeterminato con riserva in attesa del giudizio di merito e, contestualmente, inseriti nelle graduatorie del concorso straordinario in posizione utile di nomina.
Per questi docenti, al fine di favorire la continuità didattica, l’accordo prevede la possibilità di poter chiedere l’utilizzazione sullo stesso posto occupato nell’anno scolastico 2018/19.

Docenti – Graduatorie di istituto I fascia

Aggiornamento triennio 2019-22

Scelta delle scuole dal 15 al 29 luglio 2019

Modello B
Il modello B di scelta delle scuole, tramite il quale ci si inserisce nella I fascia delle graduatorie di Istituto, va inoltrato telematicamente, tramite il portale Istanze Online, dal 15 al 29 luglio 2019 entro le ore 14.00.

Pubblicazione graduatorie
La pubblicazione delle graduatorie di istituto di I fascia provvisorie, secondo quanto indicato dal Miur ai sindacati, è prevista entro il 20 agosto 2019, mentre quella delle definitive entro il 31 agosto 2019.

Autonomia differenziata

Turi: se regionalizzi la scuola c’è un problema serio

La proposta di un costo standard di sostenibilità è un modo di prendere soldi pubblici per darli alle scuole private

Ci si sta rendendo conto che la scuola non è come altri sistemi: se regionalizzi la scuola c’è un problema serio – non usa mezzi termini Pino Turi, segretario generale della Uil Scuola, da sempre nettamente contraria ad ogni ipotesi di regionalizzazione del sistema nazionale di istruzione.
Da un lato abbiamo la scuola statale di questo Paese che istruisce, educa, include, crea identità, coesione, sostiene il pensiero critico, il senso di cittadinanza. Dall’altro c’è l’idea, che ciclicamente viene riproposta, di pensare all’istruzione come ad un affare, possibilmente regionale.

Fondo ESPERO

Massimo Di Menna eletto Presidente

Si è concluso oggi pomeriggio con l’elezione del Presidente, il lungo e complesso iter di definizione degli organismi che dovranno gestire il Fondo Espero nei prossimi anni.

Il voto è stato espresso dal nuovo Consiglio di Amministrazione il cui incarico durerà tre anni.

La Uil Scuola, esprime grande soddisfazione per l’elezione di Massimo Di Menna a Presidente del Fondo di previdenza complementare della scuola.

Quella della previdenza integrativa è una sfida da cogliere per i prossimi anni.
L’impegno che si profila è quello di dare opportunità e certezze a quella parte della categoria che si è affacciata, per ragioni anagrafiche, da poco tempo nel mondo della scuola.
Una possibilità reale di tutela e garanzia previdenziale, per evitare il pericolo di dover rimanere al lavoro ben oltre l’età pensionabile per ragioni di carattere economico.

Eletta alla vice presidenza del Fondo, Maria Maddalena Novelli, che ha ricoperto la funzione di Direttore generale del personale del Miur.

Al neo presidente e alla vice presidente vanno i migliori auguri della Uil Scuola per i prestigiosi incarichi.