INACCETTABILE  E  GRAVISSIMO IL BLOCCO DELL’EROGAZIONE DEL BENEFICIO ECONOMICO RELATIVO ALLA PRIMA E SECONDA POSIZIONE ECONOMICA DEL PERSONALE ATA E IL RECUPERO DELLE SOMME EROGATE CON DECORRENZA 01/09/2011

Se da un lato l’amara vicenda del prelievo dallo stipendio del personale della scuola di 150 euro,  a seguito di una forte pressione sindacale si è avviata ad una soluzione positiva, così come testimoniato dal comunicato del  premier Letta,

un’ altra nota del MIUR  continua a colpire il personale della scuola con la questione relativa al blocco dell’erogazione del beneficio economico relativo alla prima e seconda posizione economica del personale ATA e il recupero delle somme erogate con decorrenza 01/09/2011.

La nota diramata dal MIUR ai Direttori Generali degli USR è, senza dubbio,  inaccettabile e gravissima in quanto colpisce il personale della scuola: collaboratori scolastici, assistenti amministravi e tecnici, con salari ridotti all’osso che non raggiungono neanche livelli accettabili per la sopravvivenza. Con un’accetta in maniera indiscriminata si colpiscono, in questo modo, la dignità dei lavoratori e delle loro famiglie, trattandoli come sudditi e non come titolari di diritti.

La UIL Scuola delle Marche ritiene questa situazione insostenibile:

 GIU’ LE MANI DALLE TASCHE DEL PERSONALE  ATA … SI GUARDINO  ALTRE TASCHE PER PRELIEVI FORZATI .

BASTA AD ESASPERARE  E AD ACCANIRSI CONTRO IL PERSONALE DELLA SCUOLA.

FERMATEVI …

La UIL Scuola auspica un forte e deciso intervento della politica e, nel contempo, invita il Direttore dell’ USR per le Marche a non dare seguito alle disposizioni contenute nella nota.

                                                                                           Il Segretario Generale

                                                                                             Claudia Mazzucchelli